la Riviera del Brenta

Quasi come un ideale proseguimento del Canal Grande di Venezia, il Naviglio del Brenta si muove pigramente tra Padova e Venezia dando origine ad un paesaggio di grande emozione.
Da secoli scelta come luogo di villeggiatura e distensione degli animi dai patrizi veneziani, la Riviera del Brenta è un continuo dispiegarsi di architetture di notevole interesse storico ed artistico, ricche di opere d'arte ed immerse in giardini storici: le ville.
Le ville cominciarono a sorgere a partire dal XV secolo, rispondendo da una parte al forte gusto per la campagna che inziava a diffondersi, e dall'altra all'esigenza politica ed economica di Venezia di investire nella terraferma. Le ville dunque non erano semplicemente case da ristoro, casini di caccia o lussuose dimore per il gioco, ma si configuravano anche come centri di controllo delle numerose attività agricole che le principali famiglie nobili avevano qui avviato.



Laghetto di Villa Badoer-Fattoretto a Dolo.

Allegoria della Fama: soffitto della Foresteria di Villa Foscarini-Rossi a Stra.

Accanto alla struttura padronale, proprio grazie a questa multi-funzionalità complesso della villa, si possono ammirare le antiche barchesse adibite a deposito di materiali agricoli e di barche, e più tardi le foresterie, veri e propri hotel per gli ospiti che si aggregavano alla villeggiatura.

La casa di campagna diventava quindi spesso uno dei maggiori momenti di rappresentanza della famiglia, e perciò se ne affidava spesso il progetto ad illustri architetti e l'abbellimento agli artisti più prestigiosi. La cura con cui l'architetto o il proto progettava l'esterno veniva ancor più vivamente esibita dagli artisti negli interni. Gli ambienti di rappresentanza erano infatti concepiti come un exploit di decorazioni ad affresco, di stucchi e di specchi, di mobili ed di oggetti preziosi, di cineserie e di ogni altra opera d'arte.



Non ultimi... i parchi! Splendidi giardini alla francese o più spesso all'inglese circondano le dimore storiche della Riviera del Brenta, facendone un luogo incantevole per il rilassamento degli animi, un tempo come oggi.
Essi sono costellati da alberi secolari, da sentieri tortuosi, da roseti, da serre per gli agrumi, da statue disseminate nei luoghi più innaspettati, da finte rovine e persino dai laghetti. E infine, le immancabili e lussuosissime ghiacciaie che servivano a conservare le sofisticate vivande tipiche della cultura locale.


La Nostra Associazione si impegna a valorizzare questo patrimonio storico, artistico e culturale.

Parco di Villa Bon-Tessier a Mira.




Associazione culturale Nelle Ville del Brenta
Via Doge Pisani 1/2, Stra (Venezia)
C.F. 90117260274 - Tel. 347.82.43.292
e-mail: villedelbrenta@libero.it